Dal Pef al Mef: da Trani a capo un esposto anche al Ministero sul caso Tari. «I dissidenti stacchino la spina di quest'amministrazione disastrosa»

Il movimento Trani a capo ha presentato un esposto al Ministero dell'economia e finanze ed alla Prefettura, e per conoscenza alla Procura della Repubblica, in merito ai fatti degli ultimi due consigli comunali, in cui si sono approvati, in seconda convocazione, il Piano economico finanziario del servizio di igiene urbana e l'aumento della Tari. Inoltre, è pronto un ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Puglia. Ad illustrare ogni dettaglio, in una conferenza stampa, il portavoce Antonio Procacci, ed i due consiglieri comunali, Aldo Procacci e Maria Grazia Cinquepalmi.  


«Per prima cosa - ha sottolineato l'ex candidato sindaco -, non è vero che la Tari aumenti perché sono aumentati i costi di smaltimento dei rifiuti. In realtà, tali costi sono gli stessi anche per le altre città che conferiscono fuori dei propri confini, poiché nessuna ha la discarica. Ma noi paghiamo, ed anche a caro prezzo, attività come l'emungimento del percolato e, sicuramente, anche gli stipendi dei 10 dipendenti illegittimamente assunti alla fine del 2015».


Procacci fa anche notare che «il Piano economico finanziario, già dallo scorso anno, prevede la realizzazione del servizio della raccolta differenziata porta a porta che, invece, ancora non è partito. Ed a nulla vale indicarlo come in partenza a novembre e dicembre 2017».


Aldo Procacci ha chiarito anche, dal punto di vista del movimento, come sono andate le cose fra i due consigli comunali: «Venerdì 31 marzo, sette consiglieri di maggioranza non hanno votato il Pef ed abbiamo, così, fatto mancare i numeri sulla votazione, anche se il nostro era un "no" fermo alla delibera: così, la stessa, è stata dichiarata infruttuosa. Una delibera infruttuosa va portata non in seconda convocazione, ma alla prima seduta utile successiva. Invece è stata rivotata in seconda convocazione, e questo già è un motivo di illegittimità. Per questo motivo siamo rimasti ancora fuori dell'aula, per fare sì che non si riformasse neanche la presenza della maggioranza dei consiglieri assegnati, che era 16+1, mentre in aula ce n'erano 13, con la Merra. Quindi, abbiamo rafforzato l'illegittimità del provvedimento».


«Adesso Bottaro spieghi se ha la maggioranza - dice Maria Grazia Cinquepalmi - e perché ha aumentato la Tari motivandola con l'aumento dei costi di conferimento, ma neanche spiegandoci nei dettagli dove questi costi siano aumentati. Faremo una richiesta di accesso agli atti ad Amiu, dirigente ed assessore, per avere le giuste spiegazioni sui dettagli del Piano economico finanziario».


Ad Amedeo Bottaro la richiesta è «di dimettersi senza neanche aspettare il bilancio di previsione - dice Antonio Procacci -, perché è il bilancio della sua amministrazione che è già fallimentare. Il risanamento del litorale, il bando lidi, le assunzioni, le transazioni e la Tari sono argomenti già necessari e sufficienti per andare tutti a casa. Il nostro augurio è che i sette consiglieri dissidenti si assumano la responsabilità di essere consequenziali, non votino il bilancio, che contiene quei provvedimenti, e stacchino la spina. Noi saremo pronti a raccogliere le firme per le dimissioni contestuali della metà più uno dei consiglieri comunali».


Nel frattempo, Trani a capo oggi dovrebbe avere un incontro con il procuratore della Repubblica facente funzioni, Francesco Giannella, per conoscere l'iter degli esposti inoltrati presso quell'ufficio: «Vorremmo conoscere se almeno uno di questi abbia avuto corso - conclude il portavoce -, e di certo continueremo a rivolgerci ai giudici quando sarà necessario, né tanto meno abbiamo paura di loro».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Globaloffice

Notizie del giorno

FOTO e VIDEO. Trani «invasa» da centodieci Ferrari: «Cavalcade 2017» accende di rosso e motori la città Trani, per "Fuori museo 2017" domenica 9 luglio in piazza Duomo un ospite a sorpresa Debutto discografico per la dj di Trani Rossana Pellegrino, in arte "Rossana Fox" I disabili potranno «vivere il mare» della "Baia del pescatore": consegnata alla Città di Trani la pedana di accesso alla spiaggia Valorizzazione, razionalizzazione e dismissione del patrimonio pubblico: firmato protocollo tra Comune di Trani e Demanio Dissequestrati tutti i beni di Salvatore Di Gioia: fra questi, anche un cantiere navale a Trani Trani, più sicurezza al passaggio a livello: montati i dissuasori per non attraversare i binari Emergenza abitativa, a Trani sempre più cittadini non riescono a pagare il fitto Skating Trani, domani "Gran galà sotto le stelle" presso il PalaAssi “DigithON” 2017, dal “De Sanctis” di Trani due progetti: “Ootd – Outfit for the day” ed “Enigma” Manifestazioni, oggi porto di Trani chiuso dalle 20 all’una La Madonna di Fatima pellegrina a Trani da oggi a domenica: sarà ospite dello Spirito Santo Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Martedì prossimo a Trani il "Salotto del risparmio Helvetia" Essere nonni: a Trani, corso di formazione. Incontri domani e martedì prossimo Trani religiosa, domani Aurelio Carella e Vincenzo Giannico saranno ordinati sacerdoti Rassegna "Strani incontri", domani Massimo Onofri con "Benedetti toscani, pensieri in fumo" «La vera storia di un marinaio»: domani sera, all'Anmi di Trani, la presentazione del libro di Ferdinando Scavran Lo Iat di Trani ospita mostre artistiche per due mesi: fino a domani, Stefano Balzano "Novantanove borghi, racconto di Puglia": domenica prossima giornata dedicata a Trani Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Palazzo Beltrani, orario continuato nel weekend. Da martedì prossimo, corsi di disegno Servizio civile: l’Oasi 2 di Corato, Trani e Bisceglie cerca 5 volontari. Domande entro il 26 giugno Venerdì 30 giugno a Trani convegno sul tema "L'eredità di Giovanni Bovio" È in edicola il nuovo numero de “Il giornale di Trani”: «Beffa» Lungomare di Trani, scompaiono le panchine in ferro: saranno sostituite da nuove in pietra Ruzzola per le scale del palazzo di città: 73enne in codice rosso al Policlinico Feste e concerti, la Prefettura di Barletta-Andria-Trani dispone un maggiore controllo delle forze dell'ordine DigithON 2017, da Trani anche Filippo e Fabrizio Granieri con “Latchee”. E c’è pure “Power up” “Trani è nostra”: il Vademecum del buon cittadino Voto di scambio, cinque condanne a Bari. Le indagini furono condotte da un Pm di Trani
PUBBLICITA' Hello Bike