Caso Villa Maggi e tutela del paesaggio di Trani, il Comitato bene comune invoca il monitoraggio anche dei beni privati

Non c'è stata campagna elettorale degli ultimi 30 anni in cui l'unica litania non sia stata la necessità di ampliare l'offerta storica e culturale per far sì che i visitatori della nostra città potessero sostare più di qualche  giorno e non fermarsi alla visita della sola cattedrale.


Non c'è stata campagna elettorale senza vigorosi appelli alle nostre radici e alla tranesità.


E sono sistematicamente trenta anni che le nostre istituzioni si giocano un pezzo pregiato della nostra storia.


Solo pochi giorni fa infatti si è dato l'avvio all'inizio dei lavori di demolizione di una parte della villa ottocentesca ubicata in via Di Vittorio.


Un altro  tassello di storia che la nostra città perde sull'altare della speculazione edilizia e che segue le già  tristi demolizioni dell'ex oleificio La Pietra, della vecchia fabbrica di campane Giustozzi e di Palazzo San Giorgio.


Il gioco è sempre lo stesso, non si interviene  per  manutenere gli immobili,  si aspetta che i cittadini si lamentino per il degrado o per eventuali occupazioni  abusive per "costringere" i proprietari a demolire il tutto, per l'immensa gioia dei conti correnti che verranno rimpinguati con la costruzione di nuovi edifici, visto che la zona è edificabile.


In pratica un suicidio culturale  collettivo, alimentato dall'ignoranza di pochi e dal silenzio della politica e delle istituzioni che impelagati nel mercato  delle postazioni e delle clientele non prestano attenzione alla tutela e alla salvaguardia del patrimonio urbanistico di tutta la città, disattendendo di fatto l'articolo 9 della costituzione che sancisce la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione.


E' vero che stiamo parlando di siti privati, è vero che con i continui tagli del governo centrale alle amministrazioni comunali non è facile, ma dalla politica ("vecchia" e "nuova"), visto anche il recente passato, ci aspettavamo almeno delle richieste di vincoli alla sovrintendenza preventivi e non a posteriori, proposte di permute con terreni o immobili pubblici, insomma opere di mediazione o elaborazioni intellettuali che cercano di salvaguardare capre e cavoli.


Visto l'ennesimo scempio crediamo sia necessario avviare da SUBITO il monitoraggio anche dei siti di interesse storico privato, magari in collaborazione con l' università e la sovraintendenza per iniziare un processo reale di tutela di tutto il patrimonio pubblico e privato.


Mentre in tutta Europa e in  altre città d'Italia si salvaguarda il patrimonio trasformandolo in musei e luoghi di aggregazione culturale, spesso anche ad opera di privati, noi siamo la città che nel silenzio generale trasformiamo castelli in sale ricevimenti,  chiese in  pub e radiamo al suolo esempi di archeologia industriale e dimore storiche.


Che dire, nel mentre qualcuno della maggioranza si preoccupa di invasioni indesiderate via mare, e qualcuno dell'opposizione del numero di migranti presenti, pochi tranesi si giocano il patrimonio storico della nostra città nell'indifferenza più assoluta dei tanti.


Impegniamoci tutti affinché anche a Trani torni in vigore l'articolo 9 della Costituzione.


Vincenzo Ferreri – Enzo Scaringi - Comitato Bene Comune Trani

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Barbayanne

Notizie del giorno

Stp, nuovi dirigenti: il direttore d’esercizio è Sergio Bocchetti, il responsabile di prevenzione e protezione Andrea Esotico Differenziata, «gambero» Trani: a giugno 19,38 per cento, record negativo dell'anno Altalena dei dati sulla discarica di Trani, Barresi: «Informazioni ancora poco chiare» Manutenzione nelle scuole di Trani, aggiudicate tre gare. Impegno di spesa totale, 180.604,59 euro Rischio attentati, il prefetto di Barletta-Andria-Trani dispone il rafforzamento delle misure di sicurezza «Estarte due», e Trani scopre i ragazzi «belli dentro e puliti fuori» Trani, potate le siepi spartitraffico in piazza Martiri di via Fani Fuori museo, martedì prossimo Fiorella Mannoia in concerto a Trani Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Trani, per la decima edizione di «Raccontando sotto le stelle» prossimo appuntamento oggi La Puma, Pillera, Piccolo e Larato: anche quattro autori di Trani a «Libri nel borgo antico» A Trani, sabato prossimo, la terza edizione della "Cena in bianco". È già possibile prenotarsi Punto Iat: sabato prossimo inaugurazione della mostra "Trani nell'arte", domenica lezione di pilates «Sabato di Trani», arriva l'ultimo appuntamento con le visite guidate a cura della Pro loco "Dialoghi di Trani", domenica prossima presentazione del volume "Antologia d'Europa: Puglia" “Trani di scena”, prossimo appuntamento il 28 agosto Al centro Jobel di Trani, martedì prossimo, "Gran varietà" Mercoledì prossimo, a Trani, disinfestazione Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Uffici demografici del Comune di Trani, diminuite le ore di lavoro fino al 31 agosto Lo sport di Trani torna a riunirsi del «Cast day»: appuntamento il 2 e 3 settembre Dormitorio di Trani, benedizione il 30 agosto. Pagato con i soldi della Chiesa, sarà gestito dall’associazione Promozione sociale e solidarietà Trigesimo di Pichierri, il programma delle manifestazioni per ricordarlo. Il 30 agosto avrebbe celebrato i cinquanta anni di sacerdozio Matinelle, l'Ufficio tecnico di Trani ordina la rimozione di altre strutture amovibili “Basta vittime della strada”: a Trani una delegazione da Rieti per promuovere la sicurezza stradale Terremoto ad Ischia, Tolomeo (Pd): «Trani è vicina al popolo dell'isola» Vigor Trani, due amichevoli questa settimana. Nessuna novità di mercato Volley femminile serie C, ecco lo staff tecnico dell'Adriatica Trani. Lunedì prossimo inizio della preparazione precampionato «Mercato di Trani a rischio sicurezza»: la denuncia di Montaruli (Unibat)
PUBBLICITA' Anice Verde