Caso Villa Maggi e tutela del paesaggio di Trani, il Comitato bene comune invoca il monitoraggio anche dei beni privati

Non c'è stata campagna elettorale degli ultimi 30 anni in cui l'unica litania non sia stata la necessità di ampliare l'offerta storica e culturale per far sì che i visitatori della nostra città potessero sostare più di qualche  giorno e non fermarsi alla visita della sola cattedrale.


Non c'è stata campagna elettorale senza vigorosi appelli alle nostre radici e alla tranesità.


E sono sistematicamente trenta anni che le nostre istituzioni si giocano un pezzo pregiato della nostra storia.


Solo pochi giorni fa infatti si è dato l'avvio all'inizio dei lavori di demolizione di una parte della villa ottocentesca ubicata in via Di Vittorio.


Un altro  tassello di storia che la nostra città perde sull'altare della speculazione edilizia e che segue le già  tristi demolizioni dell'ex oleificio La Pietra, della vecchia fabbrica di campane Giustozzi e di Palazzo San Giorgio.


Il gioco è sempre lo stesso, non si interviene  per  manutenere gli immobili,  si aspetta che i cittadini si lamentino per il degrado o per eventuali occupazioni  abusive per "costringere" i proprietari a demolire il tutto, per l'immensa gioia dei conti correnti che verranno rimpinguati con la costruzione di nuovi edifici, visto che la zona è edificabile.


In pratica un suicidio culturale  collettivo, alimentato dall'ignoranza di pochi e dal silenzio della politica e delle istituzioni che impelagati nel mercato  delle postazioni e delle clientele non prestano attenzione alla tutela e alla salvaguardia del patrimonio urbanistico di tutta la città, disattendendo di fatto l'articolo 9 della costituzione che sancisce la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione.


E' vero che stiamo parlando di siti privati, è vero che con i continui tagli del governo centrale alle amministrazioni comunali non è facile, ma dalla politica ("vecchia" e "nuova"), visto anche il recente passato, ci aspettavamo almeno delle richieste di vincoli alla sovrintendenza preventivi e non a posteriori, proposte di permute con terreni o immobili pubblici, insomma opere di mediazione o elaborazioni intellettuali che cercano di salvaguardare capre e cavoli.


Visto l'ennesimo scempio crediamo sia necessario avviare da SUBITO il monitoraggio anche dei siti di interesse storico privato, magari in collaborazione con l' università e la sovraintendenza per iniziare un processo reale di tutela di tutto il patrimonio pubblico e privato.


Mentre in tutta Europa e in  altre città d'Italia si salvaguarda il patrimonio trasformandolo in musei e luoghi di aggregazione culturale, spesso anche ad opera di privati, noi siamo la città che nel silenzio generale trasformiamo castelli in sale ricevimenti,  chiese in  pub e radiamo al suolo esempi di archeologia industriale e dimore storiche.


Che dire, nel mentre qualcuno della maggioranza si preoccupa di invasioni indesiderate via mare, e qualcuno dell'opposizione del numero di migranti presenti, pochi tranesi si giocano il patrimonio storico della nostra città nell'indifferenza più assoluta dei tanti.


Impegniamoci tutti affinché anche a Trani torni in vigore l'articolo 9 della Costituzione.


Vincenzo Ferreri – Enzo Scaringi - Comitato Bene Comune Trani

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Hello Bike

Notizie del giorno

FOTO e VIDEO. Trani «invasa» da centodieci Ferrari: «Cavalcade 2017» accende di rosso e motori la città Trani, per "Fuori museo 2017" domenica 9 luglio in piazza Duomo un ospite a sorpresa Debutto discografico per la dj di Trani Rossana Pellegrino, in arte "Rossana Fox" I disabili potranno «vivere il mare» della "Baia del pescatore": consegnata alla Città di Trani la pedana di accesso alla spiaggia Valorizzazione, razionalizzazione e dismissione del patrimonio pubblico: firmato protocollo tra Comune di Trani e Demanio Dissequestrati tutti i beni di Salvatore Di Gioia: fra questi, anche un cantiere navale a Trani Trani, più sicurezza al passaggio a livello: montati i dissuasori per non attraversare i binari Emergenza abitativa, a Trani sempre più cittadini non riescono a pagare il fitto Skating Trani, domani "Gran galà sotto le stelle" presso il PalaAssi “DigithON” 2017, dal “De Sanctis” di Trani due progetti: “Ootd – Outfit for the day” ed “Enigma” Manifestazioni, oggi porto di Trani chiuso dalle 20 all’una La Madonna di Fatima pellegrina a Trani da oggi a domenica: sarà ospite dello Spirito Santo Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Martedì prossimo a Trani il "Salotto del risparmio Helvetia" Essere nonni: a Trani, corso di formazione. Incontri domani e martedì prossimo Trani religiosa, domani Aurelio Carella e Vincenzo Giannico saranno ordinati sacerdoti Rassegna "Strani incontri", domani Massimo Onofri con "Benedetti toscani, pensieri in fumo" «La vera storia di un marinaio»: domani sera, all'Anmi di Trani, la presentazione del libro di Ferdinando Scavran Lo Iat di Trani ospita mostre artistiche per due mesi: fino a domani, Stefano Balzano "Novantanove borghi, racconto di Puglia": domenica prossima giornata dedicata a Trani Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Palazzo Beltrani, orario continuato nel weekend. Da martedì prossimo, corsi di disegno Servizio civile: l’Oasi 2 di Corato, Trani e Bisceglie cerca 5 volontari. Domande entro il 26 giugno Venerdì 30 giugno a Trani convegno sul tema "L'eredità di Giovanni Bovio" È in edicola il nuovo numero de “Il giornale di Trani”: «Beffa» Lungomare di Trani, scompaiono le panchine in ferro: saranno sostituite da nuove in pietra Ruzzola per le scale del palazzo di città: 73enne in codice rosso al Policlinico Feste e concerti, la Prefettura di Barletta-Andria-Trani dispone un maggiore controllo delle forze dell'ordine DigithON 2017, da Trani anche Filippo e Fabrizio Granieri con “Latchee”. E c’è pure “Power up” “Trani è nostra”: il Vademecum del buon cittadino Voto di scambio, cinque condanne a Bari. Le indagini furono condotte da un Pm di Trani
PUBBLICITA' Barbayanne