VIDEO. Spacciavano in tre città, ma anche su Facebook e Whatsapp: la Procura di Trani smantella traffico e fa arrestare diciassette persone. I nomi

Anni di indagini; duecento carabinieri impegnati, con supporto di cani e uso di elicotteri; 17 soggetti arrestati. Questi i numeri dell’operazione svolta dai Carabinieri del Comando provinciale di Bari che ha sgominato una banda dedita a spaccio di sostanze stupefacenti, all’interno della quale ci sono anche soggetti accusati di tentato omicidio e minaccia aggravata, per fatti avvenuti a Molfetta, Bitonto, Giovinazzo (non Trani, come erroneamente scritto in un comunicato stampa diramato stamattina).


I provvedimenti  restrittivi sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Trani, Francesco Messina, nei confronti di Nicola Abbrescia, Michele Arciuli, Donatella Caracciolese, Gianfranco Del Rosso, Maria Fiore, Damiano Cosma Grosso, Giuseppe Pappagallo, Saverio Pappagallo, Giuseppe Petruzzella, Domenico Ponte, Cosimo Damiano Spagnoletti, Alessandro Tenardi, Antonio Azzollini (domiciliari), Fabio De Pinto (domiciliari), Domenico Cosimo Grieco (domiciliari), Michele Liso (domiciliari), Laura Zaccaria (domiciliari).


Sono stati sequestrati: 1 kalashnikov, 1 pistola mitragliatrice, 1 pistola, centinaia di munizioni, nonché, in varie circostanze: circa 500 dosi di marijuana per un peso di circa 2,5 kg; 1100 dosi di hashish per un peso di 2,2 kg;  450 dosi di cocaina pura per un peso di 250 gr e qualche dose di eroina.


Di Maio, Procuratore, nel corso della conferenza stampa, ha dichiarato: «Il territorio della Bat è sempre più pressato tra la criminalità foggiana e quella barese. Alcuni di questi soggetti, sebbene già sottoposti a misure cautelari, organizzavano i traffici senza problemi ed usavano in maniera disinvolta i canali social come Facebook e Whatsapp. La chat veniva utilizzata senza ricorrere a linguaggi criptici. Infatti, Whatsapp è difficilmente rintracciabile». Uno dei soggetti sottoposti a misura domiciliare si era creato un falso profilo sui social e comunicava sia con i sodali, sia con i clienti. Inoltre, vi sono state forti resistenze alle forze dell’ordine durante le perquisizioni, con una aggressione ad un militare dei carabinieri.


«Questo, perché mancano una Questura ed un Comando provinciale dei carabinieri e della Guardia di finanza. Certo, i risultati sono importanti e si fanno tanti sforzi, ma si farebbe ancora meglio con l'autosufficienza, proprio perché la Bat è particolarmente esposta. Questa indagine, durata anni, è stata complessa e delicata, ma ha condotto ad uno splendido risultato investigativo».


Lo spiega il sostituto procuratore Silvia Curione: «Tutto è partito il 12 settembre 2015, con un tentato omicidio al mercato di Molfetta. Dal ritrovamento della mitraglietta si è giunti all'autore del crimine, che è fra i dodici in carcere. Da qui è nato uno scenario articolato di traffico di stupefacenti a Molfetta, Giovinazzo e Bitonto. Il primo elemento di interesse è  il collegamento fra questi soggetti ed i clan Di Cosola e Diomede, di Bari. Tanto è vero che molti degli interventi si sono compiuti nel quartier di Japigia. Quindi, vi era uno stabile collegamento fra quel triangolo di città e Bari».


Tra i soggetti, ci sono anche due donne di spicco, appartenenti rispettivamente alle famiglie Caracciolese e Fiore, oltre che alcuni minorenni e numerosi soggetti tutti negli anni '90, segno del fatto che è  una nuova generazione già specializzata nel settore. I minorenni venivano utilizzati per il trasporto della droga. Una donna era la fornitrice ufficiale ed altre due erano le custodi della sostanza stupefacente.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Le Lampare

Notizie del giorno

Lavoro per giovani immigrate, aderisce al progetto anche la Provincia di Barletta-Andria-Trani Tonno «spiazzato»: Trani, arrivano i mezzi del film e trovano le auto degli incivili che non rispettano l'ordinanza Servizi pubblici a Trani, affidate anche le ultime minigare del 2017 Via alla refezione scolastica a Trani. E si collauda il nuovo sistema a prova di «furbetti». Montessori, confermato slittamento a lunedì prossimo Festa dei diritti dell'infanzia, e la villa di Trani si colora di gioia Trani fra politica e veleni, Barresi controreplica a Bottaro: «Lasciamo fuori le famiglie da questa vicenda» Fdi Trani, Simone confermato segretario. E Lima a Bottaro: «Su Barresi chiarisca in consiglio» Barletta ferma e raggiunge la Fortitudo, Juve Trani batte Bari e le tallona AGGIORNATO. L'Adriatica si rilancia subito a Bari, Aquile ko con Giovinazzo. Trani maschile in casa con Turi Vigor in affanno e in dieci, ma non molla: Trani-Fasano 1-1 «Umile tra noi»: il nuovo numero del Giornale di Trani è dedicato al nuovo arcivescovo Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Oggi, a Trani, la quarta lezione della scuola di formazione politica: “Il particolare rapporto tra giustizia e politica” Il regista Bruno Colella presenta il nuovo film a Trani: appuntamenti, oggi e domani, presso Impero, Dino Risi e Liceo De Sanctis Biblioteca di Trani, ogni lunedì appuntamento per bambini con "Lune di storie" Auser Trani, riprende il corso di bigiotteria. Prima lezione, mercoledì prossimo Mercoledì alla Petronelli di Trani un giorno di festa per tutti i bambini tra arte e creatività, "Nessun parli" Palazzo Beltrani, visitabile fino al 30 novembre la mostra di Friman Raylven. Tutte le info Quali prospettive per l'informazione regionale della Rai? Martedì 28 novembre convegno a Trani Sistema Trani, Barresi conferma: «Su mio marito, Bottaro dichiarò il falso durante l'interrogatorio» Sistema Trani, Bottaro querela Barresi: «Spiacente, ma non doveva farne una questione di famiglia» Dichiarazioni Barresi, Trani a capo: «Bottaro chiarisca tutto, anche in consiglio comunale» Dichiarazoni Barresi, M5s all'attacco del sindaco di Trani: «Denunci, altrimenti si dimetta» Commissione sulle banche, valutazioni in corso del Csm sulla nomina del Pm di Trani Michele Ruggiero Un mese a Natale? Il pensiero va già all'estate: Trani, ecco come sarà la Baia del pescatore Comune di Trani, urgono rinforzi: tre bandi di mobilità per quattro posti. Ne avrà bisogno, soprattutto, l'Ufficio tecnico
PUBBLICITA' Avicola Colangelo