Regolamento dei dehors a Trani, l’architetto Aldo Pinto invia le sue osservazioni e aggiunge: «Nessun confronto con noi professionisti»

Gentili colleghi e amministratori locali, da "architetto" in risposta alla richiesta effettuata dall' amministrazione comunale, allego le mie personali osservazioni in merito al regolamento dei dehors.  Da "libero professionista", nato e residente a Trani, non posso esimermi da una premessa: è stato approvato un regolamento senza considerare minimamente alcun ordine professionale, senza contattare i fiduciari dei vari ordini, che da 3 anni a questa parte si sono messi a disposizione della pubblica amministrazione costituendo un tavolo tecnico (mai ufficializzato) ed essendo disponibili ad accogliere ogni richiesta pervenuta dai tecnici comunali, dai vari dirigenti, e dal sindaco stesso.

Il regolamento approvato non considera affatto la salvaguardia architettonica e paesaggistica della città di Trani, proponendo una serie di articoli mirati solo ed esclusivamente allo sviluppo degli esercizi commerciali, attraverso la totale mancanza di disegni tecnici, e la mera pubblicazione di cataloghi di arredi. Basta guardare qualche immagine delle più belle città del mondo, per notare la totale mancanza di dehors (soprattutto di frangisole in alluminio) nelle piazze, nei centri storici, lungo le banchine portuali. La conformazione della nostra città, la disposizione degli edifici sul porto, andrebbe esaltata, liberata da ogni superfetazione, piuttosto che occultata da cubi in alluminio con vetrate scorrevoli. Provate a passeggiare a Portofino, in piazza San Marco a Venezia, a Parigi: lì i commercianti rispettano l' arte, l'architettura della città, la sua storia. Se gestiscono un locale di trenta metri quadri, non pretendono di poter realizzare un loft di vetro e alluminio di cinquanta metri all'esterno per poter avere un maggior numero di "posti a sedere". L'attività vive esternamente quando le condizioni meteorologiche lo consentono, non contrapponendosi ad esse con sterili "pergole bioclimatiche" e vetrate "senza profili". Questi elementi alterano la percezione degli spazi, occludono la visuale sugli edifici storici, anche se non posti direttamente a contatto con gli stessi, ma a due metri di distanza. Sia chiaro, non sono contro lo sviluppo commerciale, ma un piano del genere andrebbe studiato in modo approfondito, dettagliato, e condiviso, non può essere elaborato da "tecnici indefiniti" e presentato in modo approssimativo ai professionisti della città Trani e dei comuni limitrofi.

Ai colleghi dell' ordine consiglio di rispondere in modo forte e deciso proponendo all' amministrazione di rivedere completamente il regolamento approvato, di fare un passo indietro, per evitare di rovinare ulteriormente quella che definiscono "la perla dell'Adriatico".

Da semplice "architetto libero professionista" vi affido il mio pensiero, da cittadino che lotta quotidianamente per restare in questa città, spero di essere stato chiaro e non frainteso.

Di seguito, le mie personali osservazioni:

Art. 1 -

L'interesse pubblico alla tutela delle caratteristiche architettoniche e paesaggistiche degli ambiti urbani di intervento, comporterebbe lo studio di ogni singolo ambito da parte dei progettisti, andrebbero individuate macro aree di intervento, e linee guida differenti per ogni singola area.

Art. 2 -

Le definizioni di dehors aperto e chiuso andrebbero completamente rimodulate, dato che la delimitazione "su tre lati da elementi" nel caso di struttura addossata alla facciata, ma distaccata solo per ragioni statiche, andrebbe a creare uno spazio chiuso su 4 lati.  Andrebbe approfondito lo studio formale degli elementi, si parla solo di 3 lati, presupponendo che il massimo dei lati siano 4, la materia geometrica ricorda ben altre forme e combinazioni possibili, se si considera tutta la sfera poligonale.

Art. 3 -

Bisognerebbe individuare i vincoli citati, culturali e paesaggistici, che non sono affatto evidenti nelle tavole allegate al regolamento.

In quali proporzioni sarebbe individuata l' area occupabile rispetto alle superfici interne del locale? Questo avverrebbe solo nel caso in cui sorgano conflitti inerenti alla stessa area?

Art . 4 -

2.

La documentazione da inviare alla Soprintendenza per conoscenza, sarebbe una copia del titolo edilizio inviato al comune? Sulle zone individuate dalla planimetria allegata, ci sono diversi punti critici, che andrebbero studiati in modo approfondito.

I manufatti conformi all' abaco, che sarebbe meglio chiamare "catalogo aziendale", non saranno assoggettati ad autorizzazione, purché non ancorati al suolo. Tali manufatti hanno bisogno di una zavorra, che andrebbe dimensionata e definita (è stato fatto solo per gli ombrelloni), sempre nell' ottica della tutela delle caratteristiche architettoniche e paesaggistiche.

DPR 31/2017, tabella A;

A.17. installazioni esterne poste a corredo di attività economiche quali esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, attività commerciali, turistico-ricettive, sportive o del tempo libero, costituite da elementi facilmente amovibili quali tende, pedane, paratie laterali frangivento, manufatti ornamentali, elementi ombreggianti o altre strutture leggere di copertura, e prive di parti in muratura o strutture stabilmente ancorate al suolo. La progettazione unitaria di uno specifico contesto urbano andrebbe definita già in questo regolamento.

Art. 5 -

Il titolo abilitativo necessario (SCIA-CIL-CILA-PDC) sarà consegnato dopo aver ottenuto l' autorizzazione all' occupazione da parte del SUAP?

Art. 15 -

Sarebbe opportuno indicare quali sarebbero i materiali non deperibili da utilizzare per indicare i "segna limiti".

Art. 17 -

3.

Bisognerebbe specificare se possono essere prese in considerazione solo variazioni di materiali e colori, o anche di forme e tipologie.

ALLEGATO B -

Sarebbe opportuno allegare disegni maggiormente definiti delle tipologie di tettoie, pensiline e pergolati, il vetro, così come l' alluminio, sono materiali in contrasto con quanto prescritto all'

Sedie e tavoli.

"Disegno lineare" non è una definizione geometrica, si rimanda a 10 minifoto da catalogo "a titolo esemplificativo", questo comporta una vasta scelta di materiali e tipologie di arredo completamente differenti, soprattutto considerando gli spazi attigui di due diverse proprietà.

Ombrelloni.

Andrebbe specificato che ogni ombrellone può avere due sostegni installati all' interno dell' area concessa, o che il totale dei sostegni all' interno dell' area deve essere pari a due, così come il numero degli ombrelloni. Sarebbe opportuno specificare anche l' altezza massima degli ombrelloni, così come la loro larghezza complessiva.

Paraventi.

Per le pannellature è ammesso, oltre al vetro, un "materiale plastico" non specificato, e soprattutto l' Etilene - Tetrafluoroetilene (ETFE), materiale innovativo maggiormente utilizzato nelle coperture di architetture contemporanee, questo è sempre in contrasto con quanto prescritto all' art.1.

Apparecchi illuminanti.

L' indicazione del colore chiaro, e la monocromia, non garantirebbe uniformità di illuminazione, dato l' ampio spettro di colori chiari esistenti, sempre in riferimento all' accostamento di differenti proprietà.

Pedane.

Sarebbe opportuno specificare la possibilità di installare pedane in presenza di gradoni (es. zona porto), o negarla (in contraddizione con la planimetria allegata); l' irregolarità della pavimentazione, o la sua pendenza, sono elementi soggettivi, andrebbero individuate e disegnate le zone dove sarebbe possibile installare le pedane.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Incos

Notizie del giorno

Trani, trova borsa con 3500 euro e la consegna ai carabinieri: era stata scippata poco prima ad una donna Stabilizzazioni nella Asl Bt, Emiliano a Trani: «Possibili grazie al piano di riordino ospedaliero» Trani, gli stabilizzati della Asl Bt festeggiano con i bambini in braccio e in grembo Detenzione e spaccio di droga: arrestato a Trani un 45enne con precedenti Rubavano merce nelle aree di servizio, denunciati 9 soggetti dalla Sottosezione della polizia stradale di Trani Trani, parzialmente vandalizzata l'installazione artistica "Oscillazioni" in piazza Natale D'Agostino Trani, iniziati i lavori al lungomare Mongelli Al Comune di Trani tirocini per studenti di Scienze delle amministrazioni Al via oggi a Trani “Hack te”, progetto per sensibilizzare gli studenti al volontariato Addio Maria Antonietta Cerniglia, il cordoglio dell'arcivescovo di Trani, Mons. D'Ascenzo Coppa Italia di Lotta Greco-Romana, Fabio Carbone medaglia di bronzo “La carica dei quattrocento” al Polo museale di Trani per “InPuglia 365”. Bis a febbraio per la Fondazione Seca Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, giovedì prossimo serata jazz "Lo sport per tutti": oggi un incontro nella biblioteca di Trani Oggi, nella chiesa "Pieno vangelo" di Trani, proiezione del film "La croce" Domenica la "Giornata mondiale dei poveri": eventi a Trani a partire da venerdì, per il 25esimo anno di attività della Caritas Al Dino Risi di Trani sabato e domenica prossimi lo spettacolo teatrale “La santa sulla scopa” Autismo: domenica a Trani dibattito con il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia A Trani, il 20 novembre, incontri con il giornalista Rai Renato Piccoli Refezione scolastica a Trani, Forza Italia: «Non si tolga il pasto ai figli dei morosi» Ufficio tecnico di Trani, un solo dirigente ma due capi servizio: avviata la selezione interna Arpa Puglia conferma: «Mare pulito, ma il vero nemico è la plastica». L'incontro alla Lega navale di Trani Mare e plastica, l'allarme di Legambiente Trani: «Ogni nostro gesto, prima o poi, ci si ritorcerà contro» Mare e plastica, a Trani fanno meno paura: «Il segreto? La collaborazione fra Comune e associazioni» È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Ieri e oggi» Bisceglie frena e Trani, che vince in rimonta a Cutrofiano, si lancia all'inseguimento di Barletta La Trani del basket vola: Fortitudo sbanca Rutigliano, Juve timbra il cartellino con Altamura Alla capolista basta un gol: Casarano-Trani 1-0 L'Apulia rompe il ghiaccio: 3-1 al San Marco Argentano e, adesso, ne ha tre alle spalle
PUBBLICITA' Euroffice