Oggi la Giornata mondiale dell’acqua, Legambiente e Altreconomia: «Acqua in bottiglia, un’anomalia tutta italiana»

È un bene primario, vitale e da preservare. L’acqua, invece, continua spesso a essere gestita come se fosse proprietà privata a vantaggio di pochi che si assicurano enormi guadagni a discapito di cittadini, dell’ambiente e delle stesse casse statali. Il settore dell’acqua in bottiglia in Italia non conosce crisi: un giro d’affari stimato intorno ai 10 miliardi euro all’anno, con un fatturato per le sole aziende imbottigliatrici che i rapporti di settore stimano in 2,8 miliardi di euro, di cui solo lo 0,6% arriva nelle casse dello Stato. Le aziende infatti pagano canoni che raggiungono al massimo i 2 millesimi di euro al litro (un costo di 250 volte inferiore rispetto al prezzo medio di vendita dell’acqua in bottiglia). In Italia ci sono oltre 260 marchi distribuiti in circa 140 stabilimenti che imbottigliano gli oltre 14 miliardi di litri necessari per garantire l’esorbitante consumo pro-capite nostrano (206 litri annui), che fanno dell’Italia il primo Paese in Europa e il secondo nel mondo (dietro solo al Messico) per consumo di acqua imbottigliata, stando a i dati forniti da Censis.


A riportare l’analisi sul business dell’acqua in bottiglia sono Legambiente e Altreconomia che, in vista della Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo, presentano il dossier “Acque in bottiglia. Un’anomalia tutta italiana”, in cui si riporta la non sostenibilità dell’attuale modello di gestione della risorsa idrica e le carenze strutturali del nostro Paese. Per questo l’associazione ambientalista chiede che la concessione di beni comuni naturali e di pregio venga sottoposta ad attente regole di assegnazione e gestione, nonché a canoni adeguati in modo da evitarne abusi nell’utilizzo e rendite per pochi.


«I dati riportati nel rapporto evidenziano come l’acqua in bottiglia rappresenti ancora oggi un business, in costante aumento negli ultimi anni – dichiara Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – Un affare miliardario che vede da una parte le aziende, a cui vengono concessi canoni a dir poco irrisori per imbottigliare l’acqua, dall’altra gli enti regionali che devono accontentarsi delle briciole. La Regione Puglia per esempio continua a far pagare le società che imbottigliano l’acqua in funzione degli ettari dati in concessione e non sulla base dei metri cubi di acqua emunta o imbottigliata, con un ritorno economico assolutamente irrisorio, nonostante la risorsa alla base del profitto sia un bene comune che appartiene alla collettività. Basterebbe applicare un canone minimo di almeno 20 euro al metro cubo, pari a 2 centesimi di euro al litro imbottigliato, per ottenere introiti maggiori da reinvestire in politiche di tutela e gestione della risorsa idrica e di miglioramento del Servizio Idrico Integrato, ottimizzando la distribuzione dell’acqua potabile nelle nostre case e incentivando l’uso dell’acqua di rubinetto». 


I canoni che le Regioni applicano, con differenze da Regione a Regione, seguono tre criteri in funzione degli ettari in concessione, dei volumi emunti e di quelli imbottigliati: solo 5 Regioni applicano tutti e tre i criteri previsti (Emilia Romagna, Lazio, Molise, Sicilia e provincia autonoma di Bolzano), mentre nel 62% dei casi le Regioni applicano due canoni su tre. Sono 3 le Regioni che applicano un solo canone, fra cui la Puglia. Eterogenei i prezzi applicati ai canoni di concessione: si passa da un minimo di 21,38 euro per ettaro previsto in Emilia Romagna (che applica però tutti e tre i canoni previsti) ai 130 euro/ettaro previsti in Puglia (che applica invece un solo canone per la concessione, in base agli ettari).


Il dato più interessante riguarda però il canone per i quantitativi imbottigliati, che presentano un valore medio di 1,15 euro/metro cubo, ovvero 1 millesimo di euro al litro. Tra le Regioni che non prevedono nulla per i quantitativi di acqua imbottigliata vi è la Puglia. Se venisse applicata la proposta di Legambiente, i possibili introiti che intascherebbero le casse regionali, a fronte di 62.111.780 litri imbottigliati, sarebbero di 1,2 milioni di euro/anno invece degli attuali 22.750 euro pagati per i 175 ettari dati in concessione.


Nella nostra regione, rispetto al 2014 (anno a cui risale l’ultima indagine di Legambiente sulle acque in bottiglia) resta invariata la modalità di applicazione dei canoni, dove l’unico canone applicato è legato all’estensione per ettaro. Dal 2014 ad oggi la cifra è aumentata passando dai 100 euro/ettaro a 130 euro/ettaro per le concessioni che imbottigliano acque minerali.


«In occasione della Giornata mondiale dell’acqua – conclude Tarantini – vogliamo sensibilizzare i cittadini ad incrementare l’utilizzo dell’acqua di rubinetto rispetto a quella in bottiglia perché è più sicura, basti pensare che in Puglia sono oltre 100 i monitoraggi giornalieri effettuati, ha un costo mille volte inferiore e non produce milioni di tonnellate di bottiglie di plastica che ogni anno vengono disperse in mare e nell’ambiente».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' La Bianca

Notizie del giorno

È il edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Il sogno» Trani, donna non dà notizie di sé da due giorni: salvata dai soccorritori Esce di casa per giocare con i bimbi della scuola materna: i genitori la ritrovano al Commissariato di Trani Caso Trony, offerta di acquisto solo per otto punti vendita: incertezza su quello di Trani Nella cava fumante è sepolta anche la plastica: è spuntata durante i lavori disposti dalla Procura di Trani Rifiuti a Trani, controlli in periferia: sanzionati cittadini di comuni limitrofi Potatura alberi via Martiri e messa in sicurezza della pista ciclabile, il Comitato di quartiere Turrisana-Capirro ringrazia il Comune di Trani Trani, fra bilancio e debiti fuori bilancio: convocato per venerdì prossimo il «consiglio maratona». Tutti i diciannove punti Crocifisso di Colonna senza fuochi, né banda, Lima (Fdi Trani): «Giù le mani dalle tradizioni» Punti di primo intervento, dall’incontro con i direttori generali delle Asl pugliesi l’annuncio: «Nessuna chiusura» Riordino dell'emergenza-urgenza, De Toma (Forza Italia Trani): «Non ci sono le condizioni per tagliare» Apertura prolungata e visite guidate: domani si festeggia il secondo anniversario del Polo museale di Trani Le macchine da guerra di Leonardo da Vinci a palazzo Beltrani: l'esposizione prosegue fino al 10 giugno Trani, villa Telesio aperta anche questo fine settimana Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, martedì Rock me up Campionato, cala il sipario: Trani-Vieste buona per la caccia alla maglia. Finale di Firenze, già pronti dieci pullman Fortitudo Trani: battere Brindisi per restare agganciata al treno promozione Volley: Adriatica Trani in trasferta a Capurso; Aquila Azzurra in casa contro Bitetto. Turno di riposo per l'Ad Maiora Volley Il mito dei Police torna a vivere a Trani: dodici anni dopo Copeland, arriva Sting. Canterà il 4 agosto con Shaggy Oggi nella biblioteca di Trani workshop sulle danze tradizionali francesi Nasce a Trani lo spazio di lavoro basato sulla collaborazione e la condivisione di ambienti: oggi, open day Domani a Trani lo spettacolo teatrale “Le botteghe della fiducia” Domani a Trani raccolta fondi per la Feimar Bat Domani a Trani concerto dei "Cantastorie del Sud" Domani a Trani giornata dedicata alla prevenzione con controlli gratuiti Qualificazioni al Campionato italiano Wtka di Karate: appuntamento domani al PalaAssi di Trani Lunedì nella biblioteca di Trani premiazione della terza edizione del concorso "Attualità del pensiero e dell'opera di Vecchi" “Lune…dì…storie!”: lunedì prossimo nuovo appuntamento per i bambini nella biblioteca di Trani Giovedì prossimo, a Trani, il corso per docenti “Argomentare la storia: proposte per insegnare la storia nella scuola di oggi” La mostra di Marco Lodola, “Luci nella città”, proseguirà a Trani fino al 5 maggio "Chiedilo al notaio", prossimo incontro al Comune di Trani giovedì 10 maggio Vigor Trani-St Georgen, ecco le modalità per assistere alla finalissima del 2 maggio Trani: Crocifisso di Colonna senza fuochi, né banda. Ed il Comitato feste patronali è da ricostituire Trani, proseguono le manutenzioni in città. Oggi bonificata anche la pinetina di via Andria Contrasto alla ludopatia, il Comune di Trani indice un concorso per trovare, dopo lo slogan, anche il logo Comune di Trani, pubblicato il bando di mobilità per due dirigenti, profilo tecnico Biblioteca di Trani, il generale Garofano elogia la Polizia municipale: «Sulla scena di un incidente i vigli urbani sono i più bravi»
PUBBLICITA' Avicola Colangelo