Nota sull'incidente diplomatico al Ced, un anno e quattro mesi al dipendente che calunniò il sindaco di Trani. Lorusso: «L'appelleremo»

«Appena leggeremo le motivazioni avremo un quadro più preciso per appellare la sentenza». È quanto anticipa Giuseppe Lorusso, il dipendente comunale in comando presso l'Ares di Bari fino al prossimo 3 settembre, condannato a un anno e quattro mesi di reclusione - pena sospesa - per il reato di calunnia commesso nei confronti del sindaco uscente, Luigi Riserbato.


Proprio da una denuncia dell'ex primo cittadino era nato un processo apertosi nel 2014 e definitosi ieri con la sentenza emanata dal giudice monocratico del Tribunale di Trani, Andrea D'Angeli. Riserbato, difeso dall'avvocato Rinaldo Alvisi, con il quale si era costituito parte civile, aveva denunciato per calunnia sia Lorusso, sia il sindacalista Michele Giuliano, per il rilascio a loro firma di un comunicato della Csa Fiadel, il 26 aprile 2013, in merito ad una non meglio chiara vicenda accaduta nel Centro elaborazione dati del Comune di Trani.


Alvisi, peraltro, aveva richiesto l'assoluzione di Michele Giuliano, poiché non aveva vissuto direttamente i fatti, ma la condanna di Lorusso. I difensori del sindacalista e del dipendente, rispettivamente Antonio Florio e Claudio Papagno, avevano chiesto per entrambi l'assoluzione e, per Lorusso, Papagno aveva anche chiesto, in subordine, l'esimente del diritto di critica. Il giudice ha invece ravvisato il reato di calunnia a carico di Lorusso.


Quella mattina, due dipendenti della Provincia si erano recati da Lorusso, in nome e per conto di Riserbato e del dirigente informatico della stessa Bat, per avere accesso al Centro elaborazione dati del Comune. Lorusso, in quanto responsabile della struttura, comunicò loro massima collaborazione, ma chiedeva anche di identificarli mediante esibizione di un documento di riconoscimento, notificando loro il vigente regolamento dei sistemi informativi.


Di fronte a questa richiesta i due dipendenti, secondo quanto riferiva la nota, si allontanavano per tornare a parlare con il sindaco: in qualche modo, dunque, la nota avrebbe fatto sospettare che tale intervento dovesse risultare anonimo, ovvero priva di qualsivoglia atto formale di legittimazione.


Il documento parlava, anche, di presunto sperpero di denaro dei cittadini tranesi e della Provincia, per soddisfare esigenze assolutamente inesistenti.


La nota, quindi, secondo la ricostruzione della Procura, avallata dal giudice, avrebbe asserito circostanze dimostratesi non corrispondenti al vero, così offendendo la reputazione del sindaco Riserbato, che veniva incolpato di abuso di ufficio.


Peraltro il successivo provvedimento disciplinare a carico di Lorusso fu annullato dal giudice del lavoro, ma questo non gli risparmiò la querela di Riserbato ed il conseguente processo, conclusosi con la condanna del dipendente in primo grado.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Game People

Notizie del giorno

Trani religiosa: Madonna del Carmine, il racconto della serata dedicata alla Sagra del mare Villa di Trani, è successo ancora: oltre cento persone chiuse dentro alla mezzanotte. «Liberate» dal gestore del lido Multe del sabato sera a Trani, gli stranieri le pagano sul posto. Ignorate le bancarelle Polizia locale di Trani, il decreto Madia fa stabilizzare quattro ex agenti a tempo determinato: per loro, adesso, è posto fisso Treno investe mucca e rischia di deragliare: arrivano a Trani con quattro ore e mezza di ritardo È in edicola il nuovo numero de Il giornale di Trani: «La voce» Festival del tango a Trani, cala il sipario su una manifestazione di gran richiamo e intensità “Racconti tra gli ulivi”: al parco Santa Geffa di Trani la commedia brillante “Volpi e galline” "Costantinopoli": sulla panchina del Trani un gradito ritorno. E il nuovo "diesse" sarà Morgese Bagnanti accanto ai mortai: Trani, prima di quella del mare, va in scena la sagra del rischio Estate di Trani, il programma giorno per giorno. Anche oggi, tanti appuntamenti Al Polo museale di Trani, fino a questa sera, la mostra dell’artista “di cuori” di Gianni Pitta Al Polo museale di Trani dal 21 al 28 luglio torna Pam, Piccoli amici al museo “Racconti tra gli ulivi” al parco santa Geffa di Trani: venerdì prossimo, "Tango Monsieur?" Fino a questa sera, a Trani, esposizione delle opere di Faccincani Palazzo Beltrani, fino al 26 agosto la personale di Dario Agrimi: “Scatola nera” A Trani la pop art con "Pop five": esposizione di quadri di pop art fino al 20 agosto «Festival Debussy» a palazzo Beltrani, oggi concerto di quattro solisti del Petruzzelli Trani, ritorna il Memorial Lafiandra: appuntamento oggi, al Capirro sport village, alle 17 Trani, prosegue l’«estate del quartiere stadio»: oggi, intrattenimento per grandi e piccini Estate di Trani, da domani via al Giuallare. E s'inaugura, anche, una mostra fotografica Moneta d'argento con la cattedrale di Trani, presentazione ufficiale mercoledì prossimo Zona umida di Boccadoro, martedì prossimo la riapertura al pubblico della vasca Giovedì prossimo a Trani l'attrice Chiara Francini presenta il suo libro “Mia madre non lo deve sapere” Estate di Trani, dal 23 al 27 luglio l’undicesima edizione di “Raccontando sotto le stelle” Trani, auto prende fuoco in via Malcangi: illeso il conducente Trani, incendiato cassonetto in via Pola Qualità della vita nelle province italiane, la Barletta-Andria-Trani 94esima su 110 Promozione della città di Trani sul gruppo Norba: impegnati 15.000 euro Verde pubblico, bagni, pulizia immobili del Comune di Trani: ancora minigare bimestrali VIDEO. Trani religiosa, il concerto in onore della Madonna del Carmine "I canti d'amore di Dio verso l'uomo e dell'uomo verso Dio"
PUBBLICITA' Barbayanne