Nota sull'incidente diplomatico al Ced, un anno e quattro mesi al dipendente che calunniò il sindaco di Trani. Lorusso: «L'appelleremo»

«Appena leggeremo le motivazioni avremo un quadro più preciso per appellare la sentenza». È quanto anticipa Giuseppe Lorusso, il dipendente comunale in comando presso l'Ares di Bari fino al prossimo 3 settembre, condannato a un anno e quattro mesi di reclusione - pena sospesa - per il reato di calunnia commesso nei confronti del sindaco uscente, Luigi Riserbato.

Proprio da una denuncia dell'ex primo cittadino era nato un processo apertosi nel 2014 e definitosi ieri con la sentenza emanata dal giudice monocratico del Tribunale di Trani, Andrea D'Angeli. Riserbato, difeso dall'avvocato Rinaldo Alvisi, con il quale si era costituito parte civile, aveva denunciato per calunnia sia Lorusso, sia il sindacalista Michele Giuliano, per il rilascio a loro firma di un comunicato della Csa Fiadel, il 26 aprile 2013, in merito ad una non meglio chiara vicenda accaduta nel Centro elaborazione dati del Comune di Trani.

Alvisi, peraltro, aveva richiesto l'assoluzione di Michele Giuliano, poiché non aveva vissuto direttamente i fatti, ma la condanna di Lorusso. I difensori del sindacalista e del dipendente, rispettivamente Antonio Florio e Claudio Papagno, avevano chiesto per entrambi l'assoluzione e, per Lorusso, Papagno aveva anche chiesto, in subordine, l'esimente del diritto di critica. Il giudice ha invece ravvisato il reato di calunnia a carico di Lorusso.

Quella mattina, due dipendenti della Provincia si erano recati da Lorusso, in nome e per conto di Riserbato e del dirigente informatico della stessa Bat, per avere accesso al Centro elaborazione dati del Comune. Lorusso, in quanto responsabile della struttura, comunicò loro massima collaborazione, ma chiedeva anche di identificarli mediante esibizione di un documento di riconoscimento, notificando loro il vigente regolamento dei sistemi informativi.

Di fronte a questa richiesta i due dipendenti, secondo quanto riferiva la nota, si allontanavano per tornare a parlare con il sindaco: in qualche modo, dunque, la nota avrebbe fatto sospettare che tale intervento dovesse risultare anonimo, ovvero priva di qualsivoglia atto formale di legittimazione.

Il documento parlava, anche, di presunto sperpero di denaro dei cittadini tranesi e della Provincia, per soddisfare esigenze assolutamente inesistenti.

La nota, quindi, secondo la ricostruzione della Procura, avallata dal giudice, avrebbe asserito circostanze dimostratesi non corrispondenti al vero, così offendendo la reputazione del sindaco Riserbato, che veniva incolpato di abuso di ufficio.

Peraltro il successivo provvedimento disciplinare a carico di Lorusso fu annullato dal giudice del lavoro, ma questo non gli risparmiò la querela di Riserbato ed il conseguente processo, conclusosi con la condanna del dipendente in primo grado.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Progetto Udito

Notizie del giorno

La Vigor Trani sfiora il colpaccio, contro la Fortis Altamura è 1-1 Scritte sulla cattedrale di Trani, l'unica buona notizia è la gara di solidarietà per ripulirla Ma quanto è forte questo Trani? Domina anche a Bisceglie, porta a casa la 13ma vittoria consecutiva e fa il vuoto dietro di sé AGGIORNATO. Cerignola già primo e, così, il derby sarà davvero senza pensieri: Fortitudo seconda; Juve Trani quarta San Marco Argentano-Trani: obiettivo, vincere per «rivedere» la salvezza Difesa del Pronto soccorso, stamani manifestazione davanti alla villa di Trani. Ci sarà anche Bottaro Difesa del pronto soccorso di Trani, Santorsola: «Alla manifestazione di questa domenica non ci sarò» Giunta regionale, i provvedimenti approvati nell'ambito della sanità Raccolta differenziata in alcune strade di Trani, martedì prossimo incontro informativo al Comune Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana “InPuglia365”: alla Fondazione Seca di Trani un fine settimana ricco di iniziative Oggi al Polo museale di Trani l'evento “Fashion family” "Venerdì a teatro" all'Impero di Trani, nuovo appuntamento venerdì prossimo con "Napoli milionaria" Santo Graal di Trani, oggi "Il ballo del Mattoni" Teatro a Trani, mercoledì 20 febbraio Bianca Nappi con “La sua grande occasione” Sabato prossimo, al Dino Risi di Trani, "Francesco Greco ensemble". Biglietti già disponibili È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Off» Trani schiava dello spray: dopo la cattedrale, San Toma Scritte sulla cattedrale di Trani, l'arcivescovo D'Ascenzo: «Troppo qualunquismo verso i beni culturali, ma ringrazio chi già si sta adoperando per ripulirla» Scritte sulla cattedrale di Trani, da Barletta la Barsa si propone per ripulirla gratis Anziana cade in acqua nel porto di Trani: un concorso di soccorritori le salva la vita Tetto in amianto dell’ex Supercinema di Trani, presentato progetto per la rimozione Amministrazione di Trani, Uva (Associazione Buongoverno): «Solo annunci, niente di concreto» Trani, pubblicato il bando per il festival “Il giullare”. Candidature fino al 19 maggio Esce “Overbooking”, il secondo album del rapper di Trani Gio Fal. Disco prodotto dal dj Krispino Trani, test importante contro Altamura. La gara sarà trasmessa in televisione
PUBBLICITA' Incos