Centri per l’impiego, l’assessore regionale Leo incontra i sindacati

Questa mattina l’assessore all’Istruzione, alla formazione e al lavoro Sebastiano Leo, il commissario straordinario dell’Arpal, Vito Pinto, e i dirigenti regionali competenti hanno incontrato le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e Csa, per definire alcuni aspetti organizzativi dei centri per l’ompiego pugliesi, anche in relazione alla delicata fase di transizione dei Cpi dalle Province alla Regione.


«Stiamo faticosamente ma con grande impegno lavorando alla riorganizzazione dei centri per l’impiego, le cui funzioni due mesi fa sono passate di competenza dalle Province alla Regione, ma sembra quasi che i deficit strumentali e di risorse che vivono i Cpi pugliesi siano nati adesso, quando questo è un problema strutturale italiano, del mezzogiorno e quindi della Puglia», commenta l’assessore Leo.


«Oggi era importante condividere con le organizzazioni sindacali e con gli attori istituzionali chiamati a gestire questa fase alcune riflessioni fondamentali: innanzitutto ereditiamo la gestione di un servizio primario che oggi conta, in Puglia, un organico di 391 persone a fronte delle oltre 800 necessarie per svolgere in modo puntuale ed efficiente servizi delicati e complessi. Si tratta – fa sapere l’assessore - di un organico che va giorno per giorno depauperandosi, con molti dipendenti che già sono andati o sono prossimi alla pensione. Un organico che la Regione non può riportare a livelli adeguati, sia per la carenza di risorse finanziare sia per l’esistenza di stringenti vincoli assunzionali imposti dallo Stato».


«Con le sigle sindacali – continua Leo – abbiamo condiviso la necessità di collaborare all’interno di un processo chiaro di miglioramento dell’organizzazione dei centri per l’impiego, salvaguardando la continuità lavorativa degli operatori e tenendo conto di quelle che sono le attuali risorse disponibili. Proprio in ragione della scarsità di risorse disponibili per un necessario potenziamento dei centri, la Regione Puglia si sta attivando in sede nazionale affinché sia delineato un quadro normativo e finanziario che consenta di rimediare a questa situazione nel più breve tempo possibile, considerando l’enorme mole di lavoro che svolgono i centri per l’impiego e a cui a breve si aggiungeranno le attività relative al reddito di cittadinanza, previsto nell’aggiornamento del Def. Si tratta, però, di una partita che va giocata in maniera collegiale e concertata da parte di tutti gli attori pugliesi coinvolti che sono chiamati a dare il loro contributo in modo sistemico e non occasionale».


«L’eventuale incremento di personale – ha concluso Leo – dovrà andare di pari passo con l’acquisizione di immobili idonei ad ospitare il nuovo organico, unitamente all’aggiornamento di tutti i sistemi tecnologi e informatici ereditati dalle provincie. Abbiamo, in questi primi mesi, già definito alcuni aspetti organizzativi importanti come il potenziamento della vigilanza nei centri con maggiore afflusso di utenza e sono già in atto soluzioni operative per risolvere alcuni aspetti logistici delle sedi e di coordinamento funzionale delle attività».


L’assessore Leo e il commissario straordinario Arpal incontreranno nuovamente le organizzazioni sindacali il prossimo 22 ottobre, al fine di esaminare le questioni organizzative poste dalla futura costituzione dell’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro, della cui attività i centri per l’impiego sono l’asse portante.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Ottica Mazzone

Notizie del giorno

È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Turismo?» «Oggi che squadra mi metto?». Il contestato Lanza sceglie la panchina ospite e Guerra lo punisce: Trani-Molfetta 1-0 Dibenedetto salva l'onore, ma non basta: Trani-Napoli 1-4 Il weekend sportivo inizia alla grande con il volley: Bari-Trani 0-3 Fortitudo attende Barletta e Juve all'esame Fasano. E a Trani, trent'anni dopo i fratelli Booy, torna a giocare un olandese: Van Den Wall Arnemann Aspettando i lavori, non c'è giorno che non peggiori: Trani, al lungomare Mongelli sono vandali e degrado a dettare l'agenda Sosta a pagamento a Trani, De Laurentis (Pd): «Giù le mani da Amet, no ai privati» Prendi, porta a casa e torna, prendi, porta a casa e torna: a Corato, i carabinieri di Trani arrestano il ladro che rubava «a rate» Mezzo secolo di opere: fino a questa sera Fulvio Del Vecchio ne espone alcune al centro d'arte Michelangiolo Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Realizzano lavori a mano e li vendono per beneficenza: nello chalet della villa di Trani, fino a questa sera, «Folletta per un giorno» “Famiglie al museo”, a palazzo Beltrani altri due appuntamenti: il successivo, oggi “Come salvare una vita” con il massaggio cardiaco: evento oggi a Trani Trani, “Domeniche d’autunno a Boccadoro”: oggi il secondo appuntamento. Ma la zona è presa d'assalto dagli incivili "Giocosamente": ogni martedì, all'Anteas Trani, allenamento alla memoria Trani religiosa, da mercoledì a sabato prossimi la festa in onore di San Michele Arcangelo. Il programma Sosta a pagamento a Trani, dossier dei dipendenti per respingere i privati: «Nonostante carenze e problemi, il servizio genera utili da otto anni» Sosta a pagamento a Trani, la proposta dei lavoratori: «Parcometri a noleggio subito, per dimostrare quanto frutterebbero in più» Sosta a pagamento a Trani: quanto, quando e come si paga «Tutto d'un tratto Trani», Bottaro e i salotti: «E tu, di che poltronificio sei»? Il Comune di Trani vuole tenersi stretti 10mila euro: incarico a tre professionisti per la difesa in Commissione tributaria Assegni di cura, domande dal 22 ottobre al 22 novembre Bagni utilizzati impropriamente dagli alunni: intervento questa mattina alla scuola Bovio di Trani Ospedale di Trani, venerdì prossimo incontro tra le sigle sindacali
PUBBLICITA' Woodcenter