Castello di Trani chiuso per due ore, ma i disagi sono "senza tempo"

Due ore di chiusura per il castello di Trani, perché il personale dei luoghi della cultura del Polo museale della Puglia è in stato di agitazione. Lo avevano fatto sapere le organizzazioni sindacali, avendo evidenziato «l’insostenibile situazione che vivono tutti i luoghi della cultura pugliese a causa dei problemi logistico - strutturali e soprattutto per la carenza di personale che dappertutto è al di sotto dei minimi funzionali. Queste problematiche hanno un grande impatto sul rischio antropico, per questo abbiamo indetto lo stato di agitazione del personale dei luoghi della cultura afferenti il Polo museale della Puglia chiedendo l’immediato avvio del confronto».

Questa mattina, quindi, all’interno del castello c’è stata una assemblea sindacale e la conseguente chiusura al pubblico. Dei turisti francesi sono dovuti tornare dopo le ore 11.30 a visitare il maniero.

Il problema principale è la carenza di personale, che ha costretto alle chiusure domenicali. Così Pasqua D’Azzeo e Massimo Favretto, tra il personale del castello.

D’Azzeo: «Non si può superare il 50 % dei festivi all’anno. Questo significa tenere chiuso il castello, perdere parecchie domeniche, considerando che quando il castello è aperto il personale in servizio si limita a due persone, il minimo funzionale. Sicuramente non riesce a garantire la sicurezza sia del sito che dei visitatori».

Questa protesta è più per i cittadini che per il personale stesso, fa osservare Favretto: «Il disservizio è soprattutto per l’utenza, che in questo periodo è intensa e ne ha subito le maggiori conseguenze». Proprio mentre era in corso l'assemblea, quattro turisti francesi hanno dovuto rinunciare alla visita al castello, rinviata dopo le 11.30.

Si è tenuta nei giorni scorsi nel castello una manifestazione, e in occasione dell’allestimento e smontaggio di tutto ciò che serviva per la stessa il maniero è rimasto chiuso, non in maniera ufficiale, ma a causa dell’andirivieni di mezzi, operai, attrezzi. «Si ritiene opportuno – ha detto D’Azzeo - , data anche la carenza di personale, sospendere le visite. La manifestazione si è chiusa il 4 novembre, i lavori di smontaggio continueranno per pochissimi giorni. Quindi il problema non è stato solo delle domenica».

«Il Polo museale ha recepito ciò che sindacalmente viene chiesto – ha detto Favretto - , il problema è la direzione generale dei musei, che ancora non riesce a comprendere o fa spallucce sui reali problemi di questi siti. Sono situazioni che si trasciniamo da tempo».

«Chiediamo la dotazione di nuovo personale, con l’indizione di un nuovo concorso, e la ricerca di nuovo personale anche più giovane. Si parla di un concorso nel 2020 o 2021, si sa per certo che nel frattempo andranno in pensione migliaia di persone. Il nostro patrimonio culturale può dare lavoro a tantissimi» è l’opinione di D’Azzeo in merito al problema del personale, che prosegue: «Questo castello ha delle potenzialità enormi. Al di là dell’orario prolungato, potrebbe offrire anche altre attività o un servizio caffetteria. Queste cose sono previste nei futuri progetti, ma che di fatto al momento non sono iniziate. Si potrebbero fare con più personale».

«Abbiamo sempre lottato per rendere il castello fruibile a tutti. È brutto vedere questo impegno durato negli anni vanificarsi nel tempo» conclude Favretti.

Questa mattina sono stati effettuati dei lavori di potatura di una palma presente nel cortile di ingresso del castello.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Fondazione Seca

Notizie del giorno

Trani, trova borsa con 3500 euro e la consegna ai carabinieri: era stata scippata poco prima ad una donna Rubavano merce nelle aree di servizio, denunciati 9 soggetti dalla Sottosezione della polizia stradale di Trani Trani, parzialmente vandalizzata l'installazione artistica "Oscillazioni" in piazza Natale D'Agostino Trani, iniziati i lavori al lungomare Mongelli Stabilizzazioni dei precari della Asl Bt, oggi a Trani anche Michele Emiliano Al Comune di Trani tirocini per studenti di Scienze delle amministrazioni Al via oggi a Trani “Hack te”, progetto per sensibilizzare gli studenti al volontariato Addio Maria Antonietta Cerniglia, il cordoglio dell'arcivescovo di Trani, Mons. D'Ascenzo “La carica dei quattrocento” al Polo museale di Trani per “InPuglia 365”. Bis a febbraio per la Fondazione Seca Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, giovedì prossimo serata jazz "Lo sport per tutti": oggi un incontro nella biblioteca di Trani Oggi, nella chiesa "Pieno vangelo" di Trani, proiezione del film "La croce" Domenica la "Giornata mondiale dei poveri": eventi a Trani a partire da venerdì, per il 25esimo anno di attività della Caritas Al Dino Risi di Trani sabato e domenica prossimi lo spettacolo teatrale “La santa sulla scopa” Autismo: domenica a Trani dibattito con il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia A Trani, il 20 novembre, incontri con il giornalista Rai Renato Piccoli Refezione scolastica a Trani, Forza Italia: «Non si tolga il pasto ai figli dei morosi» Ufficio tecnico di Trani, un solo dirigente ma due capi servizio: avviata la selezione interna Arpa Puglia conferma: «Mare pulito, ma il vero nemico è la plastica». L'incontro alla Lega navale di Trani Mare e plastica, l'allarme di Legambiente Trani: «Ogni nostro gesto, prima o poi, ci si ritorcerà contro» Mare e plastica, a Trani fanno meno paura: «Il segreto? La collaborazione fra Comune e associazioni» È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Ieri e oggi» Bisceglie frena e Trani, che vince in rimonta a Cutrofiano, si lancia all'inseguimento di Barletta La Trani del basket vola: Fortitudo sbanca Rutigliano, Juve timbra il cartellino con Altamura Alla capolista basta un gol: Casarano-Trani 1-0 L'Apulia rompe il ghiaccio: 3-1 al San Marco Argentano e, adesso, ne ha tre alle spalle
PUBBLICITA' Fondazione Seca