Coldiretti Puglia a Salvini alla Fiera del Levante: «Nella Barletta-Andria-Trani, troppi furti di prodotti agricoli»

Boom furti in campagna con 300 milioni di euro di danni in un anno. È quanto denunciato da Coldiretti al Ministro degli Interni, Matteo Salvini, in visita in Fiera alla Fattoria Coldiretti, in relazione alle razzie che si moltiplicano nei campi italiani. Il Ministro ha assicurato di attivare ogni provvedimento utile, acquisendo informazioni dall’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, promosso da Coldiretti.


«Siamo molto preoccupati per le condizioni di lavoro e di vita nelle aree rurali pugliesi, dove i nostri agricoltori vivono loro malgrado una quotidianità da far west, fatta di furti di prodotto, alberi, mezzi agricoli, racket e abigeato -  ha denunciato il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, che ha lanciato l’allarme al Ministro Salvini - rispetto a quanto avverrà nelle province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia, quando i quantitativi di olive che si potranno raccogliere, già ridotti all’osso dalle gelate, varranno tanto da essere preda ambita di bande criminali italiane e straniere».


«Il fenomeno della micro e macro criminalità nelle aree rurali pugliesi è divenuto pressante e pericoloso per la stessa incolumità degli agricoltori – denuncia ancora Coldiretti Puglia – e in questo scenario di strisciante diffusione dell’illegalità e clima di pericolosa incertezza, le aziende corrono il forte rischio di perdere competitività.


Si registra un’impennata di fenomeni criminali che colpiscono e indeboliscono il settore agricolo e non si tratta più soltanto di “ladri di polli”, quanto di veri criminali che organizzano raid capaci di mettere in ginocchio un’azienda, specie se di dimensioni medie o piccole».


«Assistiamo alla “stagionalità” delle attività criminose in campagna – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia – perché squadre ben organizzate rubano l’uva da tavola da agosto ad ottobre, le mandorle a settembre, le ciliegie a maggio, tagliano i ceppi dell’uva da vino a marzo/aprile, rubano le olive da ottobre a dicembre, gli ortaggi tutto l’anno, ma preferiscono i carciofi brindisini e gli asparagi foggiani, dimostrando che alla base dei furti ci sono specifiche richieste di prodotti redditizi perché molto apprezzati dai mercati, rubano gli ulivi monumentali perché qualcuno evidentemente li ricerca. I furti sono praticamente quotidiani – ha concluso Corsetti - tanto da aver spinto alcuni agricoltori ad organizzarsi con ronde notturne e diurne e non possiamo permetterci che continui ad essere messa a repentaglio l’incolumità dei nostri produttori».


Sensibilizzare gli agricoltori circa l’importanza di denunciare è l’obiettivo di Coldiretti Puglia, per analizzare dove si registrano in più larga misura i fenomeni criminosi, quando avvengono i furti, quali sono mezzi e prodotti maggiormente appetibili e come è strutturata la ‘filiera’ della ricettazione per economizzare le attività di polizia, non lasciando isolate le vittime e rassicurandole circa l’anonimato della denuncia non restando isolati.


Per quanto riguarda Bari e la Bat, i predoni delle campagne fanno razzia di olive che come diamanti andrebbero sorvegliate di notte e scortate durante i trasferimenti nei frantoi.


I mandanti dei gruppi criminali sono italiani anche se spesso si avvalgono di “manodopera” straniera. Depredano gli oliveti del barese, della Bat, del tarantino e del foggiano. In 2/3 minuti riescono a portare via oltre 30 kg di olive ad albero, battendo gli ulivi con mazze anche di ferro per far crollare il maggior numero di prodotto, danneggiando al contempo le piante. Le squadre di malfattori trascinano le reti sotto gli olivi a mano a mano che i complici percuotono i rami, per raccogliere il maggiore numero possibile di olive in caduta.


Oltre alla perdita di reddito per il furto di olive e al danneggiamento delle piante, gli agricoltori sono costretti ad impiegare più manodopera per recuperare dal terreno parte della refurtiva che i ladri, trascinando velocemente le reti di raccolta, non riescono a portare via. Gli agricoltori, ormai per il terzo anno consecutivo, sono vittime di un fenomeno che si sta consolidando e aggravando nel tempo.


I frantoi sono costretti ad avvisare la Questura prima di far partire i camion di olio extravergine alla volta delle varie destinazioni italiane per farli scortare fino all’imbocco dell’autostrada, eppure questa è la situazione nella Bat e soprattutto ad Andria, culla dell’olivicoltura pugliese.


Il fenomeno che si ripete ogni anno mette a repentaglio l’incolumità stessa degli olivicoltori, costretti a fare ronde diurne e notturne. Le forze dell’ordine hanno un territorio assai vasto da presidiare, pertanto ampie zone non sono pattugliate.


Stessa sorte subiscono mandorle, uva da tavola, uva da vino, perché i gruppi criminali seguono la stagionalità delle produzioni.


Strage di ulivi monumentali nelle campagne del barese a Santo Spirito, nell’area attorno all’aeroporto di Bari e nella zona tra Bitonto, Giovinazzo, Grumo e Palo. Ogni albero garantisce circa un quintale di olive e il paradosso vergognoso della vicenda è che gli ulivi di inestimabile valore sono tagliati per rivendersi la legna o rubati per abbellire le ville.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Game People

Notizie del giorno

«Piazza Mazzini, stendiamo un detergente pietoso»: Trani, è volontariato anche nell'igiene urbana Trani, «Residence stazione» con vista binari: sempre troppo rischio per i bimbi che giocano Mai più podisti sulla vecchia 16 fra Trani e Bisceglie: «Allargamenti non più sicuri», ponte Lama vietato ai pedoni Servizi pubblici a Trani, Lima (Fdi): «Troppo tempo per definire le gare, e intanto si va avanti con le proroghe» Estate di Trani, c’è il contributo per “La settimana medievale”: 5.717 euro, di cui 4.717 di finanziamento regionale Dialoghi di Trani, il programma di oggi Messale ritrovato, il video della conferenza al Polo museale di Trani Un progetto per bambini dell’Uganda, del Rotary club di Trani, al Multi club workshop di Matera Sicurezza in ambito ferroviario, riparte il progetto per gli studenti “Train to be cool” Fondi sviluppo rurale, Confagricoltura Bari e Barletta-Andria-Trani: «C’è il rischio di perderli» Santo Graal di Trani, domani omaggio a Lucio Dalla Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Riapre a Trani il River Beer con tante novità e la musica dal vivo. Nuovo appuntamento, oggi La Compagnia dei Teatranti propone il corso di teatro a cura dell’attore di Trani Enzo Matichecchia. Open day, domani Sabato 29 e domenica 30 settembre la Trani night run e la Tranincorsa Come scrivere un curriculum efficace: incontro oggi a Trani Mese mondiale Alzheimer, oggi a Trani il progetto “Piedibus” Dialoghi di Trani, il programma di domani Dialoghi di Trani, domani il giorno del premio Fondazione Megamark: ospiti, Veronica Pivetti e Mario Marchetti, presidente del premio Calvino Trani, domani edizione speciale del "Cavo fest" "Il caso Moro tra i fatti e la verità": incontro a Trani domani con Gero Grassi Servizio civile con Xiao Yan, domani a Trani incontro conoscitivo Trani, domani don Vinicio Albanesi con “Una serata insieme a Luca” Sabato prossimo al Vecchi di Trani la seconda edizione del premio “Mauro De Benedictis” Dialoghi di Trani, prosegue "Dialokids", la rassegna per i più piccoli. Prossimo appuntamento, sabato Sabato prossimo a Trani concerto di Enzo Di Napoli e Manolo, dei Gipsy Kings Giornate europee del patrimonio, sabato prossimo all’Archivio di Stato di Trani presentazione del libro “Profumo d’incenso e fumo di cannone” Sabato prossimo, a Trani, "Aperitivo al museo" Settembre, mese mondiale dell’Alzheimer. A Trani, screening gratuiti fino a sabato Domenica prossima a Trani sfilata canina Dialoghi di Trani, De Caro ricorda Vassallo e invoca rispetto delle regole: «Fare pagare il biglietto sul bus è una prima battaglia di civiltà» Dialoghi di Trani, Bottaro: «Un patrimonio dell'intero territorio». Pomarico: «Sì, ma noi privati abbiamo bisogno di partecipazione e sostegno» Dialoghi di Trani, la «sana follia» declinata da Borgna: «Una forma di vita alternativa per vincere le paure delle esperienze comuni» VIDEO. Cava fumante un anno dopo, durante il sopralluogo arriva l'assessore: «Siamo davvero a buon punto, attendiamo indicazioni dalla Procura di Trani» Cava fumante un anno dopo, il Comune di Trani informa i cittadini e pubblica i documenti non secretati
PUBBLICITA' Fondazione Seca