«Comunicare i conflitti e le diversità»: convegno a Trani oggi

Mercoledì 15 maggio, l’Ufficio cultura e comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie organizza a Trani, presso la Biblioteca diocesana (Piazza Battisti), alle ore 18, un seminario di aggiornamento sul tema: “Comunicare le crisi e le diversità”.

Programma.

Saluti di diac. Riccardo Losappio, direttore dell’Ufficio cultura e comunicazioni sociali.

Interventi di: Costantino Saverio, psicologo e psicoterapeuta; Elena Lorusso, psicologa.

Modererà l’incontro il giornalista Giuseppe Faretra.

L’evento è stato accreditato dall’Ordine dei giornalisti.

I conflitti emergono in vari modi e in differenti forme nella nostra società. I conflitti nascono dalle diversità sussistenti tra realtà che sono in relazione – diversità di interessi economici, di punti di vista, di carattere, di genere, di ideologia o religione, di valori e leggi, di cultura. I conflitti distruttivi derivano dalla incapacità di comprendere, accettare, adattare e conciliare tali differenze. Al di là delle differenze tra una persona e l’altra e tra una situazione e l’altra, tale incapacità dipende principalmente da tre fattori: la mancanza di una cultura della comunicazione; l’eccessiva presenza di una cultura della competizione e dell’antagonismo e la connessa carenza di una cultura della cooperazione; l’insufficiente consapevolezza di sé, in particolare riferita ai propri conflitti interiori e al nesso tra essi e i conflitti esteriori.

Il fattore fondamentale per una gestione costruttiva dei conflitti è la comunicazione: se il conflitto sfocia in scontri violenti e comportamenti distruttivi è spesso perché non si comunica appropriatamente, perché non ci si conosce, tant'è che da sempre l'alternativa alle guerre è la diplomazia, che è appunto una forma di comunicazione tra stati. la diversità può essere vista anche in altro modo, non antagonistico ma anzi costruttivo, poiché è proprio grazie alla diversità che esiste il nostro mondo, fisico, psichico e sociale. L’informazione può essere vista come la disponibilità ad accettare che qualcuno ti dia una mano nella lettura ordinata della realtà, mentre ci sono alcuni che ritengono superato questo modo di approvvigionarsi tipico del mondo tradizionale e gestiscono la dotazione di informazioni quantitativamente ampia della rete costruendo un’autolettura in cui il soggetto si sente capace di dominare il database sempre più complesso e disordinato delle notizie

Un ruolo fondamentale è quello del giornalista come mediatore nel fare una sintesi nel groviglio vorticoso tra notizie vere e false, con un uso appropriato di parole e di immagini. Anche i media locali- carta stampata, radio tv locali- hanno un importante funzione nella trasmissione di una realtà più prossima al lettore- ascoltatore, per la trasmissione della cultura locale di una comunità. Sicuramente occorrono più idee per l’informazione, non dimenticando che le rivoluzioni culturali positive avvengono grazie a generatori di pensieri e di nuova cultura. La sempre più profonda crisi italiana, e in particolare quella del giornalismo, deve dunque essere affrontata in termini di emergenza sociale e culturale su cui è impossibile non chiamare in causa l’impatto dei media e del giornalismo indipendentemente e dalle piattaforme di trasmissione.

Un passaggio da non dimenticare, in proposito, riguarda quegli stili di rappresentazione del giornalismo italiano che possono essere sbrigativamente recensiti come eccessi di pigrizia o, peggio, di autoindulgenza. Inoltre, ultimamente la professione giornalistica ha prestato, non solo di recente, alla costruzione di un clima culturale ispirato alla cronaca nera e, successivamente, ad una raffigurazione dei migrati sproporzionata rispetto a qualunque parametro di realtà. Per avere valore presso gli operatori delle news così come nel pubblico essa deve rivendicare una doppia caratteristica: da un lato quella di eliminare ogni spinta alla spiegazione, che avrebbe una funzione rassicurante sui pubblici. Dall’altro, la vicenda non deve essere mai accompagnata fino alla conclusione. Il finale deve mancare, compromettendo dunque ogni speranza che nella coscienza inquieta dei lettori moderni il bene venga ripristinato come aspirazione permanente dell’animo umano.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Ufficio 2000

Notizie del giorno

Trani, urgono allacciamenti ai nuovi palazzi: bitumazione di via Malcangi ferma da quasi un mese per non rovinarla dopo «Chiavi della città», Altieri respinge le accuse nell'interrogatorio: «Io non prestanome, ma garanzia per Trani nel Trani» Caso Papa Giovanni, il consulente del Comune di Trani: «Stanco delle continue accuse, ho lavorato con professionalità» Trani, ritorna l’ordinanza anti incendi: obbligo di rimozione sterpaglie entro il 15 giugno Terremoto a Trani, Briguglio risponde al presidente della Provincia Bat: «Solo strumentalizzazioni» Servizio 118, anche la Barletta – Andria – Trani tra le prime 10 province in Italia Assistenza specialistica nella Barletta – Andria – Trani, nuovamente sospeso il servizio Assistenza specialistica nella Barletta - Andria - Trani, la Provincia precisa: «Continuerà fino al 1mo giugno» Bando regionale per il rinnovo dei mezzi Amet, incontro a Trani lunedì prossimo È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Rinascita» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Al Santo Graal di Trani, domani, The rock night "Maggio dei libri" al Polo Museale di Trani, oggi e domani gli ultimi due appuntamenti Trani, oggi e domani nuovi appuntamenti del "Festival di arte e musica per bambini e ragazzi" A Trani, oggi, presentazione del libro «La tessitrice di storie» «L’arte vien dal mare»: oggi inaugurazione della mostra alla Lega navale di Trani Trani, domani,a presentazione del libro «Codice rosso» A Trani, domani, una giornata di prevenzione con esami gratuiti Domani, a Trani, presentazione del libro di Lucio Montanaro, «Il meglio della vita mia» Palazzo Beltrani, al via la rassegna “Jazz a corte”: primo appuntamento, domani Trani religiosa, la festa liturgica in onore di San Nicola il Pellegrino. Il programma AGGIORNATO. Spiagge libere con servizi a Trani, giovedì prossimo inaugurazione della «Baia del pescatore» Spiagge libere con servizi a Trani, il 2 giugno l'apertura del «Mongelli» “Il genio, 500 anni di meraviglia”: a Trani, fino al 30 giugno, la nuova mostra su Leonardo Da Vinci Trani, fino a domani la mostra di Mimmo Rotella “SeriDécollages” Quando Trani comandava in calcio ed economia: cinquantacinque anni fa, Polisportiva promossa in B Surriscaldamento del pianeta, da Trani un gesto concreto con gli alberi piantati dagli alunni della Rocca-Bovio-Palumbo Trani, debuttano gli «aspira-inciviltà»: dove ci sarà tanta gente, Amiu pulirà in tempo reale «Chiavi della città», il Gip di Trani concluderà oggi gli interrogatori di garanzia Presunto appalto pilotato Amet-Terranova, il Tribunale di Trani assolve tutti su richiesta della stessa Procura «Il porto di Trani? Con i dehors, una tendopoli in pvc»: la nota dell’architetto Aldo Pinto Terremoto a Trani, sul prolungamento della chiusura delle scuole superiori scoppia il caso Provincia - Comune Legambiente Puglia presenta «Spiagge e fondali puliti» e l'indagine «Beach litter», che ha coinvolto anche Trani Trani, i volontari di Legambiente incontrano le scuole
PUBBLICITA' Lido Mongelli